E.I.F & Gruppo FOLK "Città di Castrovillari" : agenzianotaro@gmail.com

Back to Top

CHILE

Ballet folkorico “MAGIA CHILENA”

Universidad de la Frontera de TEMUCO (ARAUCARIA)

Magia Chilena è un gruppo folk appartenente alla “Dirección de Extensión y formación Continua de la Universidad de la Frontera” di Temuco (Araucania). E’ stato costituito nell’aprile 2007 da studenti e professionisti dell’ Università de La Forntera di diverse aree, i quali dedicano gran parte del loro tempo alle esigenze del lavoro sistematico del balletto e all‘apprendimento del folklore cileno e latinoamericano.  Durante questo periodo, il gruppo ha già partecipato a numerosi spettacoli in patria e all’estero, riuscendo a distinguersi e a segnalarsi nella scena artistica nazionale e nei mezzi di comunicazione di massa come giornali e canali televisivi.  Oggi, il gruppo rappresenta una valida alternativa di sviluppo  psico-fisica ed artistico – culturale  per i giovani di Temuco e per il resto della regione, i quali anno dopo anno mostrano un interesse crescente per entrare nei gruppi di danza e musica.  Ciò ha posizionato l’associazione come una dei principali incubatori per i talenti regionali del sud del paese in ciò che riguarda il folklore, contribuendo a la decentralizzazione di queste arti. 

Nel repertorio del gruppo spiccano le danze delle principali componenti culturali del paese:

  • Huasos – l’ Huaso è la figura classica della tradizione cilena e corrisponde al Cow-boy gringo o al Gaucho brasilero-pampeano , il personaggio principale della nostra campagna. Rappresenta l’audacia ed è il simbolo dei valori di tutto il territorio nazionale. La sua musica e la danza , esemplificata principalmente nella “cueca” e nella” tonada”, si sono trasformate nella rappresentazione tipica del folklore cileno .
  • Anata Aymara – Lo Anata Aymara o carnavalito,è una delle festività più diffuse nella comunità andine cilene e non, dove in un fusione di riti indigeni ed ispanici si ringrazia la Pachamama per benedire le piantagioni. Durante questi giorni , i campi seminati e i dintorni si trasformano nello scenario perfetto per cantare e ballare ai ritmi del huayno, del cachimbo y della paloma. L’ultimo giorno o cacharpaya si ha l’incendio del carnavale e del suo spirito, che rimarrà addormentato per incontrarsi di nuovo con la sua gente l’anno seguente.
  • Zambos Caporales – Ballo d’origine boliviano con radici afro-portoghesi, che e fra i più popolari nella Festa della Tirana, nella regione vinicola del valle di Tarapacá del Chile settentrionale . La cui celebrazione avviene il 16 luglio in onore della Vergine del Carmen. E’ una danza di grande abilità fisica per i ballerini maschi. Vuol rappresentare una satira sui capibastone dell’industria zuccheriera , il che spiega l’uso di fruste, stivaloni, larghi cappelli ripiegati da un lato verso l’alto e fischi per segnare i passi e i salti.
  •  Rapa Nui – D’origine ancestrale , i balli di Rapa Nui ovvero l’isola di Pasqua hanno una prevalente origine polinesiana , a sua volta , attraverso il movimento delle braccia e delle mani , rende conto del testo della canzone interpretata, esprimendo con piccoli gesti , significati profondi propri della tradizione Pasquense e più in generale Polinesiana.

Nei suoi sette anni di vita , il gruppo è riuscito a evidenziarsi nella scena artistica regionale e nazionale; ed inoltre ha rappresentato il Cile su importanti palcoscenici di Argentina , Messico , Canada e Brasile. E quest’anno per la prima volta si esibirà in vari festival italiani con una formazione composta da circa 30 componenti fra musicisti e ballerini .

Direttore : Miguel Ángel Leiva Valenzuela

 

MAGIA_CHILENA_TEMUCO

FLAGBAN_XXXI_SM